Browsing Tag:

Un po’ del mio mondo

Natale/ Un po' del mio mondo/ Viaggi

Ad un passo dal Natale!

Questo è l’anno in cui avrei pensato di avvicinarmi al Natale con meno intensità, con meno aspettative, con meno magia e piuttosto con un atteggiamento da Grinch doc! È stato un anno bruttissimo, l’epilogo di un triennio in cui la mia vita è stata messa da parte, un triennio al quale sono sopravvissuta alla meno peggio.

Manca un soffio al Natale eppure sono stata investita da un vortice di energia che mi ha fatto vivere appieno ogni istante che lo ha preceduto, sono riuscita anche a scappare un weekend con mio marito per rivivere un sogno che molti anni fa mi era rimasto nel cuore.

Ho vissuto il calore dell’Avvento come solo la gente del nord sa fare, la gente che vive nel gelo di inverni rigidissimi ma che delle volte ha il cuore caldo e disponibile, che ha sempre un sorriso rilassato da offfrire.

Ho rivissuto la magia, quella vera, quella che mi accompagnò a Norimberga e a Rothenburg ob der Tauber con nostro figlio piccolo e Yoghi, la nostra prima cagnolina, la magia vista con gli occhi luccicanti di un bambino… una magia che mi è mancata perché ora in casa mia gira un diciottenne dolcissimo ma che non è più quel batuffolo biondo di allora.

È stato però un fine settimana in cui mi sono ripresa la mia vita, quella a fianco dell’uomo che amo e che spesso viene messa in un angolo a causa di eventi che mi sopraffanno, è stato bello indugiare da una casetta all’altra, annusando tisane speziate, incantati dell’atmosfera, dalle luci e dal profumo di cannella… abbiamo mangiato panini con le salsicce e bevuto Gluhwein come allora, abbiamo sognato di nuovo. Ed è stato bellissimo.

 

Non potevamo lasciare Norimberga senza bere una birra alla Barfusser!

Da Kathe Wohlfahrt è Natale tutto l’anno!

Piccoli villaggi all’interno del negozio…

Un Gluhwein per salutare Rothemburg!

Rientriamo in Italia con una sosta a Passau, la città dei tre fiumi: Il Danubio, l’Inn e l’Ilz… stupenda come la ricordavo!

Prendiamo la via dei Tauri e rientriamo in Italia! E’ stato un sogno…

 

Autoproduzione/ Natale/ Un po' del mio mondo

Quest’anno solo pensierini home made! Gessetti profumati per i cassetti.

Si avvicina il Natale, periodo che da brava Grinch io tendo a detestare, ma chiariamo: non detesto il Natale in sé ma tutto quel consumismo che ci gira intorno, tutto quell’anticiparlo con panettoni a vista già ad ottobre, quella corsa al regalo perché “si deve fare”. No, non ci siamo proprio…

Premetto che nella cultura della mia famiglia il regalo lo si faceva solo a San Nicolò, il 6 dicembre, mentre il Natale era  un momento per stare insieme con i propri cari, nel calore dell’amore che ci univa e ciò al di là di un discorso religioso poiché questo non mi appartiene affatto.

Oggi mi trovo un po’ a disagio, nel dover festeggiare un Natale che non sento, mentre vengo tirata da tutte le parti e devo rinunciare a stare dove vorrei, ogni anno inondata da ‘sta menata dei regali a tutti i costi, spersonalizzanti e dei quali, onestamente, a nessuno gliene frega una mazza: so che sembro brutale ma quando sento frasi del tipo “e anche questo ce lo siamo tolti dalle scatole” mi cade tutto 🙁

Ho sempre amato il regalo fatto con il cuore, pensando a colui il quale questi è diretto, possibilmente creato con le proprie mani perché sapere che qualcuno ha speso del tempo (e non dei soldi) per creare qualcosa diretto solo a me mi commuove sempre.

Questo per me è un Natale  sottotono rispetto ai precedenti, già deludenti per conto loro, perché è il primo in cui non c’è la mia mamma, sarà un Natale triste per il mio papà e so già che mi farà ammattire, quindi almeno per quanto mi riguarda sto cercando di fare un passo indietro, di ritornare a creare con le mie mani un qualcosa di unico per ognuno: certamente non sono una professionista quindi di imprecisioni ce ne sono a valanghe, ma ci ho messo il cuore.

Sono stanca della corsa ai regali, dello spintonarsi nei negozi senza provare nulla che vada al di là del fastidio delle corse dell’ultimo minuto, cosa che non ho mai fatto ma che ogni hanno ho notato con un’insofferenza crescente, quindi inizio a stilare un elenco di ciò che intendo realizzare e che donerò con affetto sincero.

Oggi inizio con questi profumatori per cassetti, semplicissimi da realizzare e che vi suggerisco con poche ed essenziali istruzioni.

Vi serviranno:

  • del gesso fine in polvere
  • poca acqua
  • stampi in silicone per dolci o cioccolatini
  • olio essenziale (io ho usato la cannella)
  • se volete usate dei colori a tempera ma io li ho lasciati bianchi
  • nastrini per decorarli (ed eventuali sacchetti trasparenti e tag in cartoncino per la confezione)
  • una ciotola e un cucchiaio per mescolare il gesso
  • carta vetrata fine
  • se possibile usare una spatola per stuccatura

Non vi do le proporzioni di gesso ed acqua perché dipende dalla quantità di prodotto che vi serve, ma iniziate a versare nella ciotola qualche cucchiaiata di polvere di gesso cui unirete poca acqua a filo, sino ad ottenere un composto liscio e cremoso (ma la densità la capirete solo provando), poi unire l’olio essenziale a piacere (anche qui la quantità dipende dall’intensità della fragranza, ad esempio la cannella è una bomba con poche gocce), rimescolare (con l’eventuale aggiunta del colore a tempera) velocemente perché il composto asciuga subito. Versare negli stampi cercando di livellare quanto possibile, eventualmente sbattere leggermente lo stampo sul piano di appoggio per far sì che non rimangano delle bolle d’aria. Io non ho usato la spatola ma a posteriori posso dire che sarebbe stata utile per lisciare quanto più possibile quello che sarà la base delle formine.

Lasciar asciugare un paio d’ore e poi sformare delicatamente, lasciare ancora un po’ a riposo e poi scartavetrare quanto possibile la superficie sottostante, ossia quella che non era a contatto con lo stampo, che sarà rimasta molto irregolare; a seconda del tipo di stampo usato sicuramente i risultati saranno molto diversi, infatti a me i gingerbread sono venuti con la base molto irregolare mentre l’alberello è uscito quasi perfetto.

Lasciar asciugare un giorno all’aria e poi procedere con il confezionamento in maniera tale che la fragranza si conservi sino al momento in cui il gessetto profumato arriverà tra le mani del destinatario.

Nota: per quanto riguarda la pulizia dell’attrezzatura usata, ricordatevi che il silicone dovrete lasciarlo ad asciugare e il gesso secco se ne andrà da solo, mentre la scodella e il cucchiaio, una volta asciutti andranno ammollati per pochi minuti e il gesso si staccherà da solo; procedere poi con il normale lavaggio.

 

Autoproduzione/ Economiche

Olio solido ai profumi mediterranei

Ritorno a creare, dopo tanto tempo, dopo un lunghissimo periodo di ansia, preoccupazione e dolore, dopo una lunga assenza che mi ha portato a perdere un po’ per la strada anche mio figlio nel delicato periodo dell’adolescenza, con conseguenti problemi scolastici e personali: ora però siamo di nuovo qui, più forti che mai tutti e due, io nuovamente più padrona del mio tempo e più serena, lui con due anni persi a scuola ma più maturo e consapevole dell’essenziale.

Amo la cucina, è indubbio, altrimenti non starei qua, ma soprattutto amo creare, metterci la fantasia in ogni cosa che faccio nonostante l’unico prodotto che in questi tre anni bui abbia continuato a realizzare sia stata la crema mani: piano piano mi riaffaccio all’autoproduzione con l’idea di rifare dei burri per il corpo, memore di un meraviglioso burro al cioccolato bianco che usavo all’epoca…

Mi trovo senza molti ingredienti, eppure quando mi ci incaponisco non mollo e allora ecco che anche questa volta qualcosa di carino ve lo propongo!

E’ un olio solido, ottimo per viaggiare ma anche da tenere sul lavandino pronto all’uso, magari adagiato in una ciotolina in ceramica, bello da vedere e tanto utile alla pelle; usatelo riscaldato tra le mani e poi strofinatelo sulla pelle, è delizioso! Ah, a proposito: se avete l’epidermide un po’ irritata dalla depilazione o per qualsiasi altro motivo in cui non sia necessario ricorrere alle cure del medico usatelo pure, molto probabilmente in pochi minuti avrete risolto il problema senza alcun effetto collaterale.

Print Recipe
Olio solido ai profumi mediterranei
Tempo di preparazione 5 mins
Tempo di cottura 15 mins
Tempo Passivo 1 ora
Porzioni
6 pezzi
Ingredienti
Tempo di preparazione 5 mins
Tempo di cottura 15 mins
Tempo Passivo 1 ora
Porzioni
6 pezzi
Ingredienti
Istruzioni
  1. Sciogliete a bagnomaria la cera d'api immersa nell'olio di oliva, una volta fuso il tutto aggiungete la polvere di arancia con gli olii essenziali e versate nelle formine: io ho utilizzato un tappetino in silicone adatto alla preparazione di tortine, ottimo per sformare successivamente i panetti senza danneggiarli. Finchè il composto è fluido appoggiarvi il fiore di lavanda (o ciò che avete scelto come decorazione: sono bellissime anche le scorze di agrume essiccate) e lasciate soldificare. Potrete estrarre l'olio solido non appena il panetto risulterà freddo al tatto, più chiaro e solido al centro.
Recipe Notes

Il rapporto cera-olio è stato valutato sulla base delle temperature estive (con troppo olio il panetto si sarebbe sciolto subito) pertanto, se utilizzerete l'olio solido a temperature più basse, riducete un po' la quantità di cera e aumentate quella dell'olio.

Un po' del mio mondo/ Viaggi

Una vacanza, una rinascita

Non è stata la vacanza programmata, quella più impegnativa e interessante da morire: eravamo diretti in Transilvania, con tappa a Bucharest e l’intenzione di vagabondare sino al Mar Nero. Non è andata così, non me la sono sentita di lasciare il mio papà completamente da solo dopo la perdita della mamma, era troppo presto: sono rimasta a pochi chilometri da casa, in caso di estremo bisogno.

Eppure sono rinata, mi sono riposata, ho respirato a fondo, mi sono seduta in riva ai fiumi e ai laghi, ho passeggiato, anche scarpinato pesantemente, ho guardato avanti, sempre e solo avanti, ho lasciato scorrere i dolori insieme all’acqua dei fiumi, mi sono disintossicata nell’aria pulita e purificata nell’acqua dei laghi, ho visitato piccoli borghi ancora a misura d’uomo, ho fatto merenda con pane e formaggio di malga, ho giocato con le mie cagnette, ho vissuto in pantaloncini, maglietta e senza un filo di trucco. Sono stata me stessa.

Non sono una da guide turistiche, ma solo una persona che cerca di riprendere in mano la propria vita, che ama stare in mezzo alla natura e mal sopporta la città, che per due settimane ha lasciato la reflex in camper girando solo con l’Iphone a scattare ed immortalare momenti ed emozioni che qui cerco in parte di condividere con voi.

Ho scoperto la casa dei nanetti

passando lungo sentieri lastricati nei boschi

costeggiando legnaie piene di fiabe

e prati immensi in cui c’eravamo solo noi e le nuvole

poi ci siamo rinfrescati nei fiumi

qualcuna con qualche dubbio… 🙂

abbiamo anche corso intorno ai laghi

e visto giardini bellissimi!

I piccoli borghi ci hanno accolto con delle meraviglie senza tempo

e con molta cura per i particolari

con piccole coccole per ogni visitatore

e ancora fiumi meravigliosi…

 

e laghi spettacolari…

poi ancora piccoli borghi deliziosi

e tanta bellezza, quella vera…

Sono ritornata a casa, ma ad aspettarmi c’era il mio magnifico mare

con la sua maestosità e il suo abbraccio immenso.

Un po' del mio mondo

La vita in due cuori uniti

Margot, quasi trenta chili di dolcezza

Ci sono dei periodi in cui scompaio da queste pagine, questa volta sono sparita dal web, con pochi commenti ai blog che seguo abitualmente, sono scomparsa da Facebook, da Instagram, dalla vita sociale e dalla serenità: la mia mamma è stata molto male, il peggio è passato e posso serenamente affermare che ora sta meglio di me, sicuramente è più riposata, anche se ancora non è minimamente autosufficiente, se è appena rientrata a casa e ciò porta me ad un ulteriore accumulo di stanchezza perché tutto il carico dei problemi e dei lavori da fare è sulle mie spalle.

Ho voglia di sognare, di un tocco di luce, di una vita in bianco e rosa, di sfrondare i rami secchi (eh sì, in questo periodo mi sono scontrata anche con del veleno gratuito, ma passo oltre e ignoro la spazzatura) e nonostante la stanchezza infinita che mi sta dilaniando comunque in me c’è la voglia di rinascita. Ancora una volta.

Perché quando tutto va a rotoli ti aggrappi alla vita e ti butti a capofitto nel nuovo, tanto lo sai che non hai nulla da perdere e solo da guadagnarci: ho cambiato alimentazione, ho inserito più allenamenti che riesco tra i mille impegni che ancora non riesco ad evitare, ho cambiato l’header del blog (sempre parigino resta però 🙂 ), ho creato un angolo zen sulla scrivania dell’ufficio, un piccolo giardino costellato di tocchi bianchi e rosa, ho adottato un’altra cagnolona.

La mia dolcissima proprietaria di coda si chiama Margot e questa è la novità della quale parlavo nel post precedente, una tenera splendida creatura che per un anno intero è vissuta nella totale reclusione di uno scantinato buio e che per l’anno successivo è stata ospite delle volontarie, in attesa che il mio cuore incontrasse il suo, che i nostri occhi si amassero alla prima scintilla.

Mi sono affacciata molto poco al web, ma appena l’ho fatto ho incontrato lei e ne è valsa davvero la pena perché mi è sembrato che mi fosse stata mandata da Polly, la mia dolcissima pelosotta partita per il ponte la primavera scorsa, lasciandomi in un mare di lacrime e con il cuore gonfio di disperazione, lasciando la sorellina Bubu smarrita e confusa… la abbraccio e, anche se sembra assurdo, è come se abbracciassi lei, una lei ancora più affettuosa, più espansiva, più dolce e caciarona 🙂

Chiedetemi se sono felice… sì, lo sono, non ancora serena perché sarebbe troppo pretenderlo in questa situazione, ma tutto inizia a volgere per il meglio e chi sogna in bianco e rosa non può non essere felice, vero?

Oggi non si cucina (e non si scattano foto artistiche perché Margot va presa al volo!), non ne ho il tempo e di questo mi scuso anche con le aziende che hanno riposto in me la loro fiducia (mi rifarò alla grande a breve, lo prometto), ma un momento insieme a voi lo volevo avere, un momento di sogni in bianco e rosa!

Questo è stato l’ultimo articolo pubblicato sul vecchio dominio ospitante il blog, e avendolo perso nel trasferimento, ho voluto riproporlo con un copia incolla (perdendomi anche le 31 condivisioni facebook, porca miseria!), pertanto ho voluto ricopiare anche i vostri bellissimi commenti, le cui dovute risposte riporterò in calce a questo post, una per ciascuna di voi poichè siete state tante carine e non trovo giusto che un problema tecnico mi abbia mangiato quanto stavo scrivendo!

6 COMMENTS

  • Reply

    MELANIA

    7 febbraio 2018 at 19:23Quante cose però si riesce a fare solo se lo si vuole. Arrivano questi momenti Tati, ma con forza e costanza si riesce a superare ogni cosa. A volte, occorre solo tempo. Serve allontanarsi dal superfluo per afferrare l’essenziale.
    Sono felice di leggere che tua mamma sta meglio. Felice tu ti stia concentrando sulle cose che più ami fare. Tienile strette a te. Non ti lasciare abbattere dalla stanchezza, Trova la forza che è in te. E avanti tutta! Ti stringo piano e con affetto.

  • @Melania: è dura, durissima, apprezzo ogni singolo minuto che riesco a ritagliare per me stessa, nonostante questo si traduca costantemente nel crollare miseramente sul divano a causa della stanchezza cronica che mi assale… però ce la voglio fare perchè quando c’è la volontà si ottiene tutto e poi, diciamocelo chiaro, un cambio di blog in questo periodo per me è stato un autentico suicidio!
    Ti stringo in un abbraccio caldo. 

    Reply

    MILE

    7 febbraio 2018 at 19:39Tati… Alle volte conviene tacere e ascoltare… Ti abbraccio forte con un sorriso.

  • @Mile: dolcezza… grazie di cuore!

    Reply

    IPASTICCIDITERRY

    7 febbraio 2018 at 20:42E sono qui a dare anche il mio abbraccio a Margot, felice vi siate trovate. Sono davvero contenta che la tua mamma stia recuperando e spero tanto possa presto finire anche il tuo tour de force. Sai quante volte sono passata di qui, cercando tue notizie? Ho notato anche il nuovo template, che mi piace … Un abbraccio e a presto tesoro bello.

  • @Terry: amica mia dolcissima, la tua presenza mi scalda il cuore in ogni istante, ci sei sempre per me quando le cose non vanno come dovrebbero. Grazie di esserci!

    Reply

    LUNA

    8 febbraio 2018 at 4:40Benvenuta bellissima Margot e bentornata tu carissima Tatiana. Mi mancava infatti, non leggerti più, ma certi periodi di stacco totale servono.
    Sono davvero felice di sapere che la tua mamma ora stia bene e che tu abbia deciso di fare tutte queste cose bellissime per te stessa, a cominciare dai colori che hai scelto per colorare la tua vita!
    Ti mando tanti baci ❤

  • @Luna: Piano piano ce la faccio, giuro! Con la massima concentrazione poichè basta una frazione di secondo di distrazione che Margottalingualunga mi fa sparire qualsiasi ingrediente commestibile che si trovi a meno di un metro e mezzo da terra.
    Ti abbraccio forte! 

    Reply

    STRAVAGARIA

    8 febbraio 2018 at 6:30Ci sta… la vita è quello che accade quando chiudiamo i social 😉 ti auguro una primavera smagliante. Baci 😚

  • @Viv: sarà bella, voglio che sia bella! Ti abbraccio 🙂

    Reply

    EMMETTÌ

    9 febbraio 2018 at 9:58

    @Emmetì: grazie tesoro! Un bacio 🙂

Arte, storia ed architettura/ Un po' del mio mondo/ Viaggi

Metti un giorno a Bassano…

img_6889

Ogni tanto capita che il marito si svegli con un’idea assurda in testa, ma proprio di quelle pericolose che inevitabilmente ti coinvolgono in un mare di guai senza una fine: eccolo qua! Presente!

Il tutto inizia il giorno in cui il malcapitato si scorda che lo scooter necessita di olio nel motore, che nel giro di mezza giornata riesce a fondere e che immediatamente valuta la possibilità di imbarcarsi nell’acquisto di un nuovo mezzo di trasporto; bocciata la moto (pena la mia immediata richiesta di divorzio) si incaponisce con un altro scooter e, siccome la sfiga è sempre presente, si intromette il collega che l’ha appena acquistato a Bassano del Grappa per un risparmio complessivo di 800 euro rispetto alle tariffe della nostra città.

Nel giro di poco tempo il pazzo si presenta con la stampa del libretto di circolazione in mano e un giorno di ferie già firmato dall’ufficio personale, quindi non c’è più speranza: si parte e in due ore siamo a Bassano e vi risparmio il ritorno, lui in scooter e io in macchina sulle stradine provinciali per non uccidere un motore in rodaggio, cinque ore infinite e sfibranti, io con il sedere a quadretti e lui che scende davanti casa con il tremore da stress.

img_6888

img_6887

Ma… le poche ore bassanesi di cui abbiamo potuto godere sono tutte racchiuse in questo post: un meraviglioso pranzo alla Osteria alla Caneva, l’incontro con Elisabetta e una bellissima visita al Museo Poli, con degustazione di grappe annessa.

Innanzitutto mi sento in dovere di soffermarmi sul pranzo: una tappa divina e detto da me che non amo mangiare fuori da casa mia vale il doppio! Un ambiente casalingo, semplice, di una informalità vera, sentita e non di mera facciata, uno di quei posti in cui entri un po’ timoroso perchè sei in compagnia di due cagnolini e invece vieni accolto a braccia aperte e con un sorriso che ti riscalda il cuore: il menu mi ha fatta morire perchè ci siamo visti portare al tavolo direttamente la tavolozza in legno da esposizione, anche se poi mi sono fidata del consiglio locale.. e non ho sbagliato!

Ottimi i primi, sia nella versione a base di Morlacco (formaggio locale) e funghi, sia per quanto riguarda le fettuccine con il baccalà, particolarissimo il secondo a base di un tagliere con soppressa, Morlacco e polenta grigliata e di un coccio con funghi e fagioli arricchiti da un condimento eccezionalmente saporito, il tutto innaffiato da un Valpolicella aromatico e robusto: il servizio è stato rapidissimo ed impeccabile nella sua informalità e il livello dei prezzi assolutamente onesto per la qualità e la genuinità servite.

Giuro che non sono stata pagata per questo post, ma oramai è così raro trovare chi lavora onestamente e con coscienza che non potevo non farvi conoscere questa piccola chicca sita in via Matteotti 34: se vi dovesse capitare di trovarvi a Bassano andateci! Sono anche simpaticissimi!

Fettuccine con il baccalà

Fettuccine con il baccalà

Morlacco, soppressa e polenta grigliata

Morlacco, soppressa e polenta grigliata

img_6903

Tegame con funghi e fagioli

Tegame con funghi e fagioli

img_6902

L'ottimo vino della casa

L’ottimo vino della casa

img_6905

img_6908

img_6904

img_6909Dopo il pranzo, e contrariamente ad ogni più rosea aspettativa viste le sue precarie condizioni di salute e l’influenza sempre in agguato, riusciamo ad incontrarci con Elisabetta, bella, solare, simpatica e che ci mette immediatamente a nostro agio… con pochissimo tempo a disposizione, ma con la promessa di combinare un incontro più curato insieme a tutte le altre Bloggalline di Bassano e dintorni!

Ora lo so che se vedrà la foto mi manderà a quel paese in quanto si sentiva fuori forma, ma io la pubblico ugualmente perchè è stata proprio tanto carina e ce l’ha messa tutta per presentarsi nonostante l’influenza 🙂

img_6928

img_6931

Lasciata Elisabetta abbiamo fatto una tappa al Museo della Distilleria Poli, con degustazione di grappe compresa… e qui non servono parole: andateci! Il Museo è carinissimo e molto curato, il personale di una gentilezza squisita e le grappe sono assolutamente divine…hanno decisamente una marcia in più rispetto a quelle più note e commerciali, sono dei piccoli tesori e a prezzi assolutamente abbordabili nonostante l’altissima qualità.

img_6933

“L’acqua ardente prolunga la vita: per questo merita il nome di acqua della vita”

img_6948

“Distillare è imitare il sole che evapora le acque della terra e le rinvia in pioggia”

La mia non è stata una guida turistica, nè vuole esserlo perchè preferisco scrivere i post sulla scia dell’emozione e rimanere lontana anni luce da ciò che può essere mera didattica in quanto proprio non ne sento il bisogno; è stata un’occasione presa al volo per ritornare in una cittadina che ho sempre amato e della quale serbo bellissimi ricordi… grazie Bassano, anche questa volta la pacatezza dei tuoi abitanti, il loro essere dog-friendly ovunque sia andata e il vostro sorriso non mi hanno delusa!

 

Arte, storia ed architettura/ Un po' del mio mondo

Ricordi di viaggio: Budapest e Bratislava

 

Il Parlamento visto dal Danubio

Il Parlamento visto dal Danubio

Se mai mi è possibile a Pasqua scappo dalla mia città, con un bisogno di cambiamento insopprimibile, nonostante mio figlio sia sempre costantemente massacrato di compiti e di pagine da studiare e anche quest’anno al rientro a scuola lo aspettasse una serie infinita di verifiche (si sa che le vacanze sono solo per i docenti, vero?).

Talora rimango in Italia e preferibilmente scendo verso la Toscana e l’Umbria, che tutto sommato sono raggiungibili in poche ore di camper, ma questa volta abbiamo valutato che, vista la nostra collocazione geografica alle porte dell’est, avremmo avuto vita sicuramente più facile attraversando la Slovenia per raggiungere Budapest, meraviglioso gioiello incastonato sulle rive del Danubio.

Onestamente paventavo le consuete sfaticate cui mio marito ci costringe ogni anno in quanto lui vuol vedere tutto, ma proprio tutto, con l’apoteosi della fatica al castello di turno che, in quanto fortificazione a difesa della città, è molto difficile sia situato in pianura… fortunatamente non è interessato ai musei (tranne a quelli bellici), tant’è che appena trovo una pinacoteca mi ci reco da sola e loro nel frattempo fanno la siesta sul marciapiede di fronte all’ingresso; il tutto del resto diverrebbe complicato vista la presenza costante delle nostre cagnoline.

Abbiamo iniziato bene grazie ad un campeggio che, per modica spesa, ci ha offerto tutti i servizi possibili, compresa una colazione a buffet da sogno, con pane e dolci freschi fatti in casa ogni giorno, il tutto condito da una gentilezza rara, la stessa gentilezza che ho riscontrato negli ungheresi, un popolo delizioso, rilassante, educatissimo e… perfettamente bilingue! Moltissime persone parlavano un italiano ottimo, ma il loro inglese è assolutamente perfetto e di una precisione ammirevole e in qualsiasi luogo pubblico le iscrizioni sono in ungherese e (necessariamente altrimenti si capirebbero solo tra di loro) in inglese.

Non è assolutamente gente ricca, ma molto dignitosa e la città è piena di bellissimi giovani: mio marito e mio figlio ammiravano le bellezze locali 🙂 ma nemmeno io me la sono passata male, eh? E la gentilezza, il modo di vivere rilassato, la cortesia e il modo squisito di aiutarti… splendido! Peccato solo i troppi divieti nei confronti dei cani, ma ci siamo organizzati benissimo senza mai lasciare le pelosette in camper!

Che Budapest sia molto bella me ne sono resa conto immediatamente, ma il colpo al cuore l’ho avuto la sera del primo giorno: di ritorno in campeggio, a bordo del bus, abbiamo attraversato il Danubio percorrendo uno dei ponti che collegano Buda a Pest, era già sera e la città era illuminata come un presepe, dal castello ai ponti per arrivare al magnifico palazzo del Parlamento, in riva al fiume e di una bellezza incantevole. Mi sono trovata con il naso schiacciato al finestrino del bus e a bocca aperta come una bambina, impazzita dallo spettacolo incantevole che quei pochi secondi mi hanno regalato; l’indomani ho preteso di rimanere in centro sino a sera per poter scattare delle foto dalla riva del Danubio, anche se non sono più riuscita a percorrere il ponte la cui vista mi aveva incantata la sera precedente.

il meraviglioso Ponte delle Catene

Il meraviglioso Ponte delle Catene

Pest, personalmente, l’ho preferita: più moderna, evoluta, curata e bellissima, mentre Buda, nucleo originale di quella che poi diverrà Pestbuda (e solo successivamente Budapest o Budimpesta se ci arrivate dalla Slovenia), è estremamente più storica ma anche più decadente, di un fascino forse meno maestoso e signorile ma ricca di chicche storico-artistiche da non perdere… però non mi voglio perdere in sterili descrizioni, che almeno a me solitamente annoiano, in quanto preferisco accompagnarvi per mano guardando insieme un po’ di scatti.

Particolari del Ponte delle Catene

Particolari del Ponte delle Catene

Sotto la poesia del cielo di Budapest

Sotto la poesia del cielo di Budapest

"Le Scarpe", memoria agli ebrei gettati nel Danubio dalla furia nazista

“Le Scarpe”, memoria agli ebrei gettati nel Danubio dalla furia nazista

Street food con il Japanese Dog

Street food con il Japanese Dog

Ancora street food con il New York Dog

Ancora street food con il New York Dog

Musica nell'aria

Musica nell’aria

Luci dell'Est

Luci dell’Est

La metro più antica d'Europa: un gioiello!

La metro più antica d’Europa: un gioiello!

Classe anche sui tombini

Classe anche sui tombini

Sbirciando il Bastione dei Pescatori

Sbirciando il Bastione dei Pescatori

Il Bastione dei Pescatori... sembrava di trovarsi dinanzi al Re dei Goblin!

Il Bastione dei Pescatori… sembrava di trovarsi dinanzi al Re dei Goblin!

La Chiesa di San Mattia

La Chiesa di San Mattia

L'insegna della pasticceria prediletta di Sissi

L’insegna della pasticceria prediletta di Sissi

Dal Castello si stende tutta la bellezza della città

Dal Castello si stende tutta la bellezza della città

Le acque del Danubio

Le acque del Danubio

In navigazione lungo il Danubio

In navigazione lungo il Danubio

La città si accende come un presepe d'acqua

La città si accende come un presepe d’acqua

Un pezzetto alla volta le luci fioccano

Un pezzetto alla volta le luci fioccano

Il Parlamento di notte è magico

Il Parlamento di notte è magico

Un ultimo saluto al Danubio prima di partire per Bratislava!

Un ultimo saluto al Danubio prima di partire per Bratislava!

 

Lasciata Budapest siamo entrati in Slovacchia per una breve visita prima di raggiungere l’area sosta di Vienna per la notte, trovando un centro storico molto piccolo a dispetto della metropoli che negli anni vi è cresciuta intorno, ma assolutamente stupendo, una chicca tenuta benissimo e molto pulita come già avevamo riscontrato nella capitale ungherese… riprendiamoci quindi un pomeriggio libero per proseguire la nostra passeggiata tra uno scatto e l’altro!

Bratislava: museo della farmacia

Bratislava: museo della farmacia

Gli angolini del centro storico di Bratislava

Gli angolini del centro storico di Bratislava

Men at work!

Men at work!

Una scarpinata sino al Castello di Bratislava, ma ne è valsa la pena...

Una scarpinata sino al Castello di Bratislava, ma ne è valsa la pena…

Ho camminato moltissimo, eppure questa volta non mi è pesato particolarmente grazie alla bellezza della quale ho potuto godere, gli scatti sono stati centinaia e qui ho voluto lasciare una minima traccia, fatta quasi solo di immagini e di piccole emozioni, lasciando a voi la scelta se approfondire e magari inserire queste due belle capitali dell’est nella vostra “wish list”!

Dolci e desserts/ Ifood/ Un po' del mio mondo

La mia fluffosa all’arancia per il primo compleanno di Ifood

IMG_5538

Quando ho iniziato a scrivere su queste pagine non avevo ben chiaro dove sarei andata a parare vista la mia naturale reticenza nell’aprirmi agli altri, la mia riservatezza, la mia timidezza che spesso mi blocca in situazioni inamovibili.

Però alla fine mi sono trovata a chiacchierare con molte di voi, ad aprirmi in tranquillità come non mai, senza timori nè tremarelle inutili: quindi iniziamo a spiegare le cose per bene che è meglio.

Io sono figlia unica di due genitori anziani, almeno per l’epoca in cui sono nata, per giunta figlia femmina, estremamente controllata al fine di plasmare una bimba a propria immagine e somiglianza: ero la classica brava figliola da esibire perchè “non mi ha mai dato un problema” mentre in realtà dentro di me soffrivo come un cane in quanto crescevo insicura e in totale solitudine. Mi hanno dato tanto, tantissimo amore, ma sempre tenendomi sotto una campana di vetro, vietandomi qualsiasi esperienza che mi potesse anche minimamente allontanare da loro, magari facendo crescere dentro di me qualche possibile istinto di ribellione.

Mi hanno aspramente disapprovata ogni qualvolta tentavo di seguire la mia natura riprendendomi se usavo la mano sinistra anzichè la destra perchè mi sarei discostata dalla normalità, mi hanno fatta vestire come loro credevano, preferibilmente di rosa (puahhhh), vietandomi jeans e scarpe da ginnastica: le prime che sono riuscita ad ottenere erano rosa e non aggiungo altro! E le liti per avere le prime lenti a contatto? Potrei scriverci un libro…

Non è un post di critica il mio , ma solo una riflessione del perchè io abbia sviluppato una tale insicurezza da cercare sempre rifugio in rapporti sbagliati che mi facevano unicamente stare peggio, una riflessione sul fatto che delle volte i nostri genitori ci amano come sono in grado di fare e che mettono il massimo del loro impegno, anche se talora combinano dei gran pasticci! Non è un post di critica anche perchè grazie ai loro errori oggi per mio figlio sono una madre abbastanza equilibrata (e parecchio easy…) quindi alla fine ho appreso qualcosa che mi è tornato utile 🙂 … ho capito che la libertà dell’individuo è il bene più prezioso e che per mio figlio desidero solo la sua felicità, anche se ciò si discosta dal mio modo di vedere le cose. E non è poco.

Il mio essere me stessa è iniziato nel momento in cui ho preteso la possibilità di conseguire la patente (orrore, una donna che guida… e pure bene!) e con la mia ribellione verso mio padre che mi voleva apprendista parrucchiera e sposata ad un bravo operaio: non solo ho ottenuto la possibilità di diplomarmi (purtroppo a patto che la scuola la scegliessero loro), ma ad un certo punto della mia vita ho turbato l’idillio familiare iscrivendomi all’università (mantenendomi da sola, ci mancherebbe) e trovando pace solo a laurea conseguita e dimostrando loro le mie capacità grazie al master che ho voluto frequentare a completamento della mia formazione.

Questo è un breve riassunto della mia vita, non come l’avrei voluta anche se meglio di tante altre, ma voglio arrivare alla conclusione che anche sputando sangue e ingoiando lacrime si può arrivare a qualcosa e che uno degli obiettivi che ho conseguito grazie alla mia caparbietà è stato l’ingresso in questo meraviglioso mondo di Ifood (e se mi chiedete quale vantaggi concreti io ne abbia tratto potrò solo dirvi: nessuno, tranne la mia soddisfazione personale… e mica è poco!).

Oggi non solo ho vinto le mie battaglie ma ricorre il nostro compleanno, il nostro primo momento di entusiasmo unito a volare fino alle stelle perchè, soprattutto grazie a chi ha avuto la possibilità di fare da portavoce più di altri, ma in prima battuta grazie ad una comunione di anime e di intenti, abbiamo realizzato degli obiettivi che mai avrei pensato si potessero raggiungere in un anno di vita insieme. Ciò grazie ad un gruppo prevalentemente femminile costituito da persone con grandi passioni, lontane centinaia di chilometri l’una dall’altra, ma che hanno unito i loro cuori con grande generosità per crescere tutte insieme!

Buon compleanno Ifood!

ifood bday

Ovviamente lo voglio festeggiare con il nostro simbolo: la Fluffosa (alias Angel-cake o Chiffon-cake).

IMG_5540

La ricetta è quella di Monica, pur avendo ridotto le dosi.

Ingredienti per la torta (per uno stampo da cm.17,5):

  • 150 g. di zucchero
  • 140 g. di farina 00
  • 4 uova (io ne ho usate 5 perchè erano molto piccole)
  • 105 g. di spremuta di arancia
  • scorza di un’arancia non trattata
  • 60 g. di olio di semi
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • 1/2 bustina di cremor tartaro
  • 1 pizzico di sale
  • 1 baccello di vaniglia

Ingredienti per lo sciroppo (a me ne è avanzato tanto, quindi riducete almeno l’acqua):

  • 3 cucchiai di zucchero semolato
  • la spremuta di un’arancia filtrata
  • 200 ml. di acqua
  • più 250 ml. di panna da montare per la copertura e qualche fettina di arancia  per decorare

Procedimento:

Separare i tuorli dagli albumi montando questi ultimi a neve ferma con un pizzico di sale e metterli da parte in un’altra ciotola versare la farina, i tuorli, l’olio, il succo d’arancia, lo zucchero, la scorza grattugiata e i semi di vaniglia, sbattendo bene il tutto in maniera tale che incorpori aria, poi aggiungere il lievito e il cremor tartaro amalgamando bene. A questo punto aggiungere gli albumi mescolando con una spatola, facendo in modo che l’impasto non smonti.

Versare tutto nello stampo da angel cake senza imburrare assolutamente: deve assolutamente attaccare un po’!

Cuocere in forno a 165°C. per 55 minuti e successivamente a  175 per ulteriori 10; estrarre lo stampo e capovolgere sugli appositi piedini senza girare sino a completo raffreddamento.

A questo punto procedere con la preparazione dello sciroppo, utilizzando un pentolino e mescolando continuamente a fuoco lento: andrà versato tutto sulla torta (magari aiutandovi con un pennello) perchè comunque sarà completamente assorbito.

A raffreddamento avvenuto decorare con la panna montata e con qualche fettina di arancia.

 IMG_5541IMG_5546

IMG_5544

Un po' del mio mondo

La bellezza delle piccole cose

IMG_5316

Prima di riaprire la cucina a nuove possibilità ritorno con le mie foto perché rappresentano i momenti di libertà che ho vissuto: vi ho lasciati in riva al mare e ritorno prendendovi per mano per accompagnarvi in mezzo al bosco a passeggiare nella neve.

Questi sono gli scatti del mio capodanno da eremita, trascorso in compagnia della mia famiglia e di tre amici tranquilli come noi, lontani anni luce da botti e festeggiamenti, nel silenzio ovattato della neve che scendeva lentamente ammantando tutto di un candore che al buio della notte scintillava.

E’ stato meraviglioso svegliarsi il mattino e poter passeggiare con passo felpato, lasciando le orme sul bianco immacolato, ammirando i boschi finalmente soffici come la panna, mentre le nostre amiche a quattro zampe si rincorrevano giocando come bambine.

Questa è la bellezza delle piccole cose, della semplicità di un festeggiamento fatto solo di anime belle, con pochi soldi ed un piatto di pasta che ci ha regalato un cenone da magia pura: noi, l’affetto che ci ha uniti e la natura incontaminata 🙂

IMG_5322

Fusine in Valromana (UD)

IMG_5320

Per Polly, da quando è stata adottata, ogni esperienza è un momento di gioia!

IMG_5315

IMG_5314

La principessa Bubu disdegna le zampette bagnate….

IMG_5306

I ghiacciolini sul camper rendono l’idea?

IMG_5305

IMG_5304

IMG_5303

IMG_5302

Un po' del mio mondo

Il mare d’inverno

Come spesso accade sono in partenza, una piccola vacanza improvvisata verso i boschi alpini, tanto per congelarmi i sentimenti e respirare un po’ di natura e di aria pulita: mi aspetta qualche passeggiata nei boschi del tarvisiano e qualche escursione intorno ai laghi ghiacciati.

Adoro stare in mezzo alla natura, anche al gelo, pur di poter respirare a pieni polmoni l’aria tersa e priva di smog, di poter trascorrere le notti sotto il cielo più stellato che c’è, ad anni luce dall’inquinamento luminoso della città… potrò brindare all’anno nuovo nell’intimità di un camper, con l’amore della mia famiglia e l’affetto dei pochi amici che, nonostante alcuni periodi tempestosi, alla fine si sono sempre dimostrati tali.

Sono una solitaria e una romantica, ne sono consapevole, sfuggo ai rapporti sociali e non mi presento alle cene tra colleghi, partecipo raramente alle feste e tendo ad isolarmi, ma io sto bene così… lontana dall’ipocrisia e dalla superficialità, sono diretta fino all’inverosimile, mai diplomatica e spesso scomoda, ma mi sento me stessa solo al contatto con la natura e la madre terra.

Il ventisei dicembre, dopo il consueto Natale palloso ed odiatissimo, mi sono riappropriata di mio marito per una passeggiata con le cagnette sul lungomare: vi offro questi scatti del mio bellissimo mare d’inverno e brindo con voi affinchè  l’anno che ci aspetta possa essere ricco di salute, di serenità e di lavoro per tutti coloro i quali se la stanno passando davvero male.

Ci riabbracciamo a gennaio!

IMG_5276

IMG_5272

IMG_5275

IMG_5270

IMG_5274

IMG_5271

IMG_5268

IMG_5267

IMG_5269

IMG_5266

IMG_5265

IMG_5261

IMG_5260

IMG_5258

IMG_5259

IMG_5257

IMG_5252

IMG_5253

This site is protected by wp-copyrightpro.com