Colazione/ Collaborazioni/ Dolci e desserts/ Rigoni di Asiago

Strudel di frolla

Manco da più di un mese, dopo il tour de force di Natale ne avevo bisogno, non ho mangiato dolci né ne ho cucinati a parte qualche specifica richiesta da parte di mio papà, che da bravo goloso non può rimanere senza il suo dolcetto settimanale; è stata un’assenza non programmata ma sentita, volevo stare lontana dal web e fare altro, ho mille progetti in sospeso e almeno in piccola parte andavano chiusi, volevo tirare un bel respiro profondo e prendere fiato.

Ci sono riuscita in minima parte, mi sono ritrovata a dover concludere moltissimi arretrati, il tutto da combinare con le ore di lavoro e con una stanchezza antica, ma sono riuscita comunque a mollare un po’ la presa e ad allentare lo stress, il tutto migliorato dalla stagione che sta volgendo al meglio, le ore di luce sono aumentate e per forza anche la mia energia è migliorata.

Sono stanca dell’inverno, sono stanca del freddo, sono stanca di correre sempre con l’affanno di non riuscire a fare tutto e di farlo sempre al buio, ho bisogno di luce, di sole e di aria tiepida, ho bisogno di dormire, di stendermi ogni tanto a non fare nulla, di pensare un po’ alla mia casa e a terminare dei lavori che vanno fatti.

Il primo passo l’ho fatto riavvicinandomi alla cucina con l’intenzione di rifare qualcosa di buono, di coccolare tutta la famiglia, approfittando del fatto che siamo nel periodo di Carnevale e quindi ho iniziato a friggere chiacchiere, ciambelle e frittelle, con gran gioia di tutti: è stato il primo passo che mi ha riavvicinata al comfort food e alla voglia di rimettermi ai fornelli per mettere in tavola qualcosa di più rispetto ad un pasto semplice ed essenziale.

Oggi voglio portare nel piatto qualcosa di goloso ma che sia più sano rispetto ai ricchi dolci che caratterizzano il periodo carnevalesco, che storicamente è caratterizzato dall’abbondanza e dall’abbandono di ogni regola; ho voluto riprendere in mano una frolla, l’impasto sano per eccellenza e che da anni oramai preparo usando l’olio al posto del burro, questa volta ho provato ad impastare con l’olio extra vergine di oliva approfittando del recente acquisto di un olio  molto delicato della mia zona, ritirato personalmente dal produttore, delizioso e dolcissimo.

E ho provato anche ad arrotolare l’impasto, quasi fosse uno strudel, proprio perché, contrariamente al solito, mi è venuto molto liscio ed elastico… è stato un esperimento. Riuscitissimo.

Post in collaborazione con Rigoni di Asiago.

Prodotti utilizzati:

Fiordifrutta Mirtilli rossi di bosco Rigoni di Asiago

Nocciolata bianca Rigoni di Asiago

Print Recipe
Strudel di frolla
Tempo di preparazione 15 mins
Tempo di cottura 30 mins
Tempo Passivo 30 mins
Porzioni
Ingredienti
Tempo di preparazione 15 mins
Tempo di cottura 30 mins
Tempo Passivo 30 mins
Porzioni
Ingredienti
Istruzioni
  1. Se lavorate l'impasto a mano spargete la farina sulla spianatoia, disponetela a fontana e aggiungete un po' alla volta tutti gli ingredienti, lavorando velocemente e poi lasciandola riposare nel frigorifero, avvolta in nella pellicola, per almeno mezzora. Se invece ne avete la possibilità utilizzate un robot da cucina ed impastate tutti gli ingredienti senza sporcare nulla, poi, come specificato sopra, mettete l'impasto a riposo al fresco.
  2. Una volta raffreddato, stendete l'impasto su un foglio di carta forno, spalmate un velo di nocciolata bianca, poi passate alla confettura ed infine arricchite il tutto con delle noci tritate grossolanamente. Arrotolate la frolla e infornate in forno preriscaldato a 180°, modalità ventilata se possibile, e cuocete fino a doratura (circa 30 minuti a seconda del forno). Servire spolverizzato di zucchero a velo.
Recipe Notes

Le mie uova erano piccole, motivo per cui ne ho usate due intere anziché un uovo intero più un tuorlo come consueto per la frolla; inoltre ho aggiunto un dito d'acqua in quanto l'impasto rimaneva molto asciutto, sempre a causa delle dimensioni ridotte delle uova utilizzate.

You Might Also Like

14 Comments

  • Reply
    Elena
    14 Febbraio 2020 at 17:49

    Carissima Tatiana ti aspettavo, si ti aspettavo perché noi blogger vitntage quando qualcuna manca si sente, ma capisco benissimo il tuo voler staccare per ritrovare un po di lentezza e per portare a termine i progetti lasciati in sospeso, ma ora sei qui ed è questo il bello <3
    Un dolce favoloso, con un ripieno goloso e tutta la morbidezza intorno, da gustare con calma magari con una cara amica e una tazza di te caldo… Un bacione!

    • Reply
      Tatiana
      17 Febbraio 2020 at 9:05

      Ciao Elena, in effetti solo a posteriori mi sono resa conto di quanto lunga fosse stata la mia pausa, non voluta né programmata, ma è capitato così… sono stata colta da una stanchezza antica e con un elenco di cose in sospeso ancora davanti a me, quindi ho preso una settimana, poi un’altra e via così, sino ad oggi. Ma non fa niente, stare qui per me è un momento di gioia, è la soddisfazione di stare in vostra compagnia, guai a farlo se non mi sento in forma. Onestamente sono ancora esausta ma ho voglia di riprendere ed è ciò che conta 🙂
      Un abbraccio forte forte!

  • Reply
    Alessia
    17 Febbraio 2020 at 14:19

    Gnam! In mezzo a tutti questi fritti è bello trovare una chicca così. 😋 Adesso che si avvicina la primavera vedrai che andrà meglio (almeno c’è più luce!). Bentornata! Bacione

    • Reply
      Tatiana
      17 Febbraio 2020 at 15:02

      Ciao Alessia, effettivamente sento un gran bisogno della primavera, proprio a livello fisico: sono esausta e sono qui proprio perché mi sono imposta di riprendere in mano le mie cose, i miei interessi e soprattutto me stessa. Ho fatto un po’ di ordine tra le mille corse che non riuscivo più a sostenere e accantonando ciò che può attendere, concludendo i sospesi e delegando quanto più è possibile: il resto del tempo è tutto per me e già mi spunta il sorriso, se poi c’è il sole mi ritorna anche l’energia! 🙂
      Un bacio cara! E’ sempre un piacere ritrovarti per quattro chiacchiere 😉

  • Reply
    edvige
    17 Febbraio 2020 at 16:27

    Buono senz’altro ma come tu sai non per me. Bacioni

    • Reply
      Tatiana
      19 Febbraio 2020 at 9:16

      Lo so lo so… ma qui i golosi sono tanti e devo farli contenti 🙂
      Un bacio!

  • Reply
    speedy70
    17 Febbraio 2020 at 16:32

    Ha un aspetto molto goloso, ottimo e alternativo strudel!!!

    • Reply
      Tatiana
      19 Febbraio 2020 at 9:17

      Sicuramente diverso dal solito, ricco e croccante 🙂
      Un abbraccio!

  • Reply
    saltandoinpadella
    17 Febbraio 2020 at 18:39

    Cucinare per le persone care fa felici loro ma aiuta tanto anche il cuore. Io trovo che cucinare sia un antistress meraviglioso, ti fa staccare il cervello dai problemi, rilassa e ti avvicina anche alle persone care. Si vede benissimo che questo strudel è stato fatto con amore

    • Reply
      Tatiana
      19 Febbraio 2020 at 9:35

      Pienamente d’accordo su quanto hai scritto, oltretutto in questo periodo, pure se molto stanca, ho cucinato molto e con gran gioia; purtroppo però la fatica di realizzare dei post mi ha bloccata completamente, solo l’idea di scattare le foto, scaricarle, accompagnarle da due righe… proprio non ce la potevo fare, per più di un mese ho annaspato nella stanchezza con la reattività di un criceto in prognosi riservata 🙂 Ora però un po’ di voglia sta prevalendo sulla stanchezza che continua imperterrita a stendermi, tant’è che mi sono ritrovata nuovamente con l’agenda in mano a tirar giù idee e potenziali ricette e ciò è un bene perché significa che sto riprendendo quota. E ho ricominciato con un dolcetto: tu sai bene quanto sia confortevole!
      Un bacio 🙂

  • Reply
    ipasticciditerry
    18 Febbraio 2020 at 10:08

    Eccoti qua, ogni tanto passavo ma trovavo sempre “chiuso”, sono contenta di ritrovarti con una nuova ricetta. Io credo che questa stagione un pò strana, ci abbia un pò scombussolato tutte. Forse il nostro corpo ha bisogno di ritmi netti: freddo e poi caldo, non so … Mi piace questo dolce, ne immagino tutta la golosità, con queste deliziose creme all’interno. Ben tornata tesoro, un abbraccio e buona settimana

    • Reply
      Tatiana
      19 Febbraio 2020 at 9:40

      Lo immaginavo cara Terry, tu sei sempre presente! Ma non sono riuscita a mettere insieme un post nemmeno a fare i salti mortali, ho cucinato ma solo per sfamare al meglio la famiglia, con amore ma senza andare oltre, senza la voglia di scattare delle foto decenti, di scrivere un post… ma nemmeno di accendere il pc! Sono stata stravolta da una valanga di lavoro senza nemmeno mezza giornata di ferie e la stanchezza si è accumulata, durante le festività ho sostituito tutti i colleghi assenti e ad un certo punto ho ceduto. Ora però riprendo ad affacciarmi da un angolino e con la voglia di sperimentare, anche di cucinare qualche golosità in più, con gran gioia dei coinquilini! 🙂
      Grazie della tua presenza costante e del tuo affetto, un bacio!

  • Reply
    Mile
    19 Febbraio 2020 at 14:16

    Benedetto il tempo che dedichiamo a noi perché ci ridà il focus smarrito e mette tutto in prospettiva. E ci rigenera facendo ritrovare il piacere e il tempo per coccolare le persone che amiamo. 🤗

  • Reply
    daniela
    19 Febbraio 2020 at 17:24

    che bello ritrovarti qui ai fornelli, e ritrovarti carica e piena di energie..spero proceda tutto per il verso giusto, te lo meriti…
    e che dire del dolce? si mangia con gli occhi…adorabilmente buono!!!!!!!!!!!

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    This site is protected by wp-copyrightpro.com