Dolci e desserts

Confortatemi con le mele (nel plumcake) e le parole giuste

Le parole hanno il potere di distruggere e di creare. Quando le parole sono sincere e gentili possono cambiare il mondo.
(Buddha)

Le parole sono importantissime, ci puoi giocare, puoi cambiare un accento e stravolgere il senso di una frase, puoi accarezzare con parole dolci, puoi ferire con poche parole taglienti, puoi offendere con parole che non conoscono il significato del rispetto, puoi generare un do ut des di cattiveria e provocazione; puoi adulare, parlare senza mezzi termini, deridere, consolare, arrivare diretto al cuore, pugnalare alle spalle, sollevare il morale usando l’ironia, puoi sdrammatizzare e ridere di te stesso.

Amo le sfumature della nostra bellissima lingua ed è questo il motivo per cui, pur parlando fluentemente l’inglese, mi sono sempre rifiutata di curare un blog biligue, amo leggere, amo scrivere, adoro i libri scritti bene in cui le parole non sono stese a casaccio, ma che si inanellano l’una all’altra in un crescendo armonico e ricco di significato, in cui le pause dovute sono rispettate, in cui le consecutio ancora esistono e i congiuntivi non vengono demoliti.

Le parole sono fondamentali, il loro significato è essenziale, le parole costituiscono la base della comprensione, della cultura di un popolo, grazie alle parole utilizzate con cognizione di causa è possibile rapportarsi con il prossimo senza incomprensioni, con le parole si abbattono i muri dell’ignoranza, con le parole si può aiutare, si contratta, si cercano accordi, ci si oppone alle ingiustizie, si dà voce alla lotta.

Con le parole si crescono i bambini, si accarezzano gli amanti, si consolano i disperati, si rassicurano gli anziani, con le parole si insegna e si impara, ci si arricchisce perchè la cultura è ricchezza e con la cultura ci si difende dalla prepotenza e non ci si fa comandare, con le parole ci si libera dall’oppressione e ci si tutela dalle ingiustizie.

La parola è poesia, è protesta, è insegnamento, è comunicazione, è strumento, è voce, è tutto ciò che di noi possiamo liberamente esprimere. Ecco perchè amo tanto curarne il significato. Ecco perchè amo tanto le parole.

In questa mia riflessione, determinata da un momento in cui vedo tanta vacuità nella collettività, vuoto che purtroppo si riflette nell’andamento (disastroso) del paese in cui vivo, dove la pseudocultura di massa segue le vie strampalate degli opinionisti e degli influencers, dove ancora troppe persone non comprendono quanto sopra esposto, oggi mi sono voluta coccolare con le mele, volutamente inserite in un contesto goloso ma non ipercalorico,  per ricordare i sapori della mia tradizione, le mie radici contadine, la saggezza popolare che giorno dopo giorno mi ha insegnato che la cultura è libertà di pensiero e di azione. Anche in questa società che spesso mi delude.

Print Recipe
Plumcake mele e yoghurt
Tempo di preparazione 10 mins
Tempo di cottura 45 mins
Porzioni
8 persone
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 mins
Tempo di cottura 45 mins
Porzioni
8 persone
Ingredienti
Istruzioni
  1. Macinare finemente le mandorle aiutandosi con un cucchiaio di farina, poi aggiungere nella ciotola gli ingredienti secchi: farina e lievito, meglio se setacciati (io non l'ho fatto), zucchero, sale e cannella. Mescolare bene con la frusta, poi inserire la parte umida: yoghurt, latte e olio, mescolare bene e versare in uno stampo da plumcake ben oleato (io l'ho spennellato con olio evo) ed infarinato, sbucciare e tagliare le mele in fette sottili e disporle sulla superficie spingendole leggermente verso il basso, poi infornare a 180°, forno ventilato, per 45 minuti.

You Might Also Like

8 Comments

  • Reply
    Ipasticciditerry
    6 marzo 2018 at 22:37

    Molto goloso e velocissimo questo plumcake. Le parole bisogna saperle usare. Possono tutto; creare o distruggere, far gioire o dispiacere … Ma anche i silenzi a volte, possono dire più delle parole .. dipende.

    • Reply
      Tatiana
      18 marzo 2018 at 13:19

      Anche quelle non dette possono causare dei danni mentre talora a tacere si farebbe una figura migliore, ma alla fine come vedi sempre di parole si tratta, seppure passivamente…
      Un bacio mia cara Terry!

  • Reply
    stravagaria
    6 marzo 2018 at 22:55

    Ultimamente trovo i social sempre più deprimenti. Le parole sono importanti, i tempi sono duri ma per fortuna ci sono le torte di mele… buona serata 😗

    • Reply
      Tatiana
      18 marzo 2018 at 13:17

      Fossero solo i social… ne sento ovunque di tutti i colori e mi trovo degli strafalcioni paurosi pure nei libri, ultimo baluardo culturale, tanto per capire quanto siamo caduti in basso… tristezza…
      Un bacio 🙂

  • Reply
    Melania
    7 marzo 2018 at 9:35

    Io non posso farne a meno. Mi nutro di parole. Lo faccio scrivendo, leggendo libri e testi altrui, lo faccio ascoltando gli altri perché credo che sono quanto di più importante possa esserci al mondo. Mi rendo conto che c’è parecchia vacuità, la stessa che tu racconti, ma non per questo smetto di amarle e farle mie tutte le volte che posso. Come del resto hai fatto tu Tati!
    Mi lascio coccolare anche dal tuo cake che con le mele sono certa sia squisito. Un abbraccio:))

    • Reply
      Tatiana
      18 marzo 2018 at 13:16

      Me ne rendo conto ogni giorno e sempre di più, ogni qualvolta presto attenzione a ciò che mi circonda e mi confronto con gli altri: quanta vacuità, quanta ignoranza, quanta carenza di cultura generale di base… non si chiede nulla di più eh, solo il minimo che ti permetta di avere un’apertura mentale sufficiente! Un disastro che mi fa capire quanto purtroppo ci meritiamo la situazione socioeconomica pessima in cui ci troviamo e in merito alla quale un passetto indietro porterebbe del gran bene perchè questo non è più progresso, ma regresso vero e proprio.
      Un bacio mia amica di pensiero 🙂

  • Reply
    Paola
    7 marzo 2018 at 10:40

    Proprio per questo ultimamanete sto lasciando da parte i social che mi hanno stancato, per ritrovare la bella abitudine che avevo in passato di passare ogni tanto a visitare i miei blog preferiti, leggendo con calma pensieri, sentimenti e anche ricette. Baci

    • Reply
      Tatiana
      18 marzo 2018 at 13:12

      Io mi sono estraniata da tutto il superfluo, stanca delle offese gratuite e dall’ignoranza di massa che mi fa pensare al peggio ogni qualvolta mi rendo conto che questi personaggi hanno il diritto al voto… lasciamo perdere va’ che è meglio e mangiamo insieme provando le nostre rispettive ricette e passando a trovare le amiche di blog, cosa che io faccio costantemente anche se non sempre ho il tempo di commentare tutti.
      Grazie del passaggio e un bacio!

    Leave a Reply

    This site is protected by wp-copyrightpro.com